mercoledì 17 ottobre 2012

BREAKING BAD, Stagione 2 (2009), Vince Gilligan


USA, 2009
Regia: Bryan Cranston, Charles Haid, Terry McDonough, John Dahl, Johan Renck, Peter Medak, Felix Alcala, Michelle MacLaren, Phil Abraham, Adam Bernstein, Colin Bucksey
Cast: Bryan Cranston, Aaron Paul, Anna Gunn, Dean Norris, RJ Mitte, Giancarlo Esposito
Sceneggiatura: J. Roberts, George Mastras, Peter Gould, Sam Catlin, Moira Walley-Beckett, Vince Gilligan, John Shiban


Trama (im)modesta – Dopo essere entrati in contatto con un grosso spacciatore ed essersi messi in guai ancora più grossi, il signor White e Jesse si mettono in affari per conto proprio. Walt deve ancora pagare le esose bollette mediche e Jesse, dopo essersi scontrato con gli odiamati genitori, ha perso tutto. Mentre la loro fama si sparge in città, i cristalli blu di Walt cominciano a valicare i confini nazionali. Sia il signor White, seppur con il suo pseudonimo di Heisenberg, sia Jesse attirano l’attenzione dei cartelli della droga messicani. E mentre entrambi cercano di ricostruirsi una vita, Walt con la sua salute e la sua famiglia e Jesse con una nuova casa e una nuova fidanzata, la situazione precipita ancora. Ad aiutare i nostri eroi, ecco entrare in scena due nuove pedine: il viscido e diabolico principe del foro, l’avvocato Saul Goodman; e il raggelante signore della droga Gustavo.


La mia (im)modesta opinione – Dopo una folgorante ma non adamantina prima stagione, Breaking Bad prosegue veloce, ingrandito, rafforzato. Gli episodi ora sono tredici ma scorrono tutti velocemente: con ogni puntata così prontamente saldata all’altra, pare di mangiare noccioline. Breaking Bad torna per una seconda stagione, dunque, che si annuncia più problematica e complessa della prima. Nota positiva: se nella prima stagione era Walt White a titaneggiare sullo schermo, adesso c’è altra gente sotto i riflettori. Finalmente si aggiungono nuovi brillanti personaggi e si approfondiscono le psicologie dei comprimari della prima stagione. Eccezion fatta, ovvio, per Skyler e Marie, che rimangono le due sorelle più noiose e irritanti della storia del drama.


Oltre a Walt White che, oltre a un momento decisivo della penultima puntata, non si spreca in numeri mirabolanti come quelli dei suoi inizi, i grandi poli d’attrazione della seconda stagione sono il socio di Walt, il giovane tossico Jesse Pinkman, e suo cognato, Hank Schrader. Quella di Jesse è una storia triste. Se nella prima stagione avevamo avuto un piccolo assaggio della sua vita privata, in questa seconda stagione lo vediamo farsi di carne e sangue. Non è credibile come tossicomane, ma lo è come persona. Persona vera, reale, umana. Il suo pianto disperato nell’ultima puntata è stato una scena sconvolgente, nel suo essere toccante. Jesse Pinkman era il teppistello della porta accanto; ma ora gli si danno sentimenti, consistenza, cuore.


Stupendo è anche il rapporto che Jesse instaura con Walt. Se nella prima stagione i due erano semplicemente soci, adesso cominciano ad essere amici, a sostenersi, a esserci l’uno per l’altro. Certo i litigi non mancano affatto, anzi gli insulti e i ceffoni volano che è un piacere ma anche nello scontro l’accoppiata Jesse/Walt ha una chimica magica, da paura. Una relazione che si salderà più fortemente anche nella terza stagione, la loro è una delle bromance più belle e commoventi che abbia mai visto; l’amicizia che nasce quando si deve mantenere un segreto inviolabile, l’amicizia che c’è fra due persone che hanno visto e sopportato di tutto e adesso possono farsi forti dell’esperienza vissuta insieme.


Altro grande personaggio della stagione è Hank Schrader, cognato di Walt e agente della DEA. Capiamoci, non che in questa stagione le vicende familiari di Walt diventino più interessanti, anzi. Ma la figura tormentata del poliziotto che comincia a perdere colpi, che scopre di poter tremare davanti alla vista dell’orrore del mondo, che trova in sé una rabbia nuova, una ferocia contro il destino stesso che ha così deciso di ingiuriarlo, fanno di Hank una figura monumentale, quasi eroica. Paradossalmente, è proprio nella fragilità più estrema e nella vertigine del vuoto che ci si accorge della forza erculea di un uomo d’acciaio com’è Hank. Inoltre, va detto, Hank è il protagonista di una delle scene più pulp della stagione.


Sorvolando sopra le mogli di Walt e di Hank, tutte e due perfettamente insignificanti, e scavalcando anche l’azzoppato figlio di Walt (se gli sceneggiatori l’avessero fatto muto sarebbe stato così tanto intrigante), passiamo ai meravigliosi comprimari da romanzo criminale che fanno capolino sul nostro palcoscenico. Prima arriva Saul, bastardissimo azzeccagarbugli con le mani in pasta praticamente dovunque; dunque, silenziosamente, incontriamo Gustavo “Gus” Fring, sommo signore della droga, eminenza grigia del crimine di New Mexico e stati limitrofi, sconcertante ritratto della Banalità del Male, con quella sua faccia liscia e inespressiva e gli occhialetti da impiegato di terz’ordine che nascondono intelligenze diaboliche e affilate minacce.


Complessivamente la stagione è buona, lo svolgimento della trama occupa un po’ troppo spazio ma forse è una cosa necessaria. Punto forte della serie sono quelle scenette che non ti aspetteresti mai e che, fra uno sbadiglio e l’altro, conducono al sublime finale della penultima puntata che, da sola, vale la serie tutta intera. Intendiamoci bene però: la serie mantiene ancora un livello generale da capogiro, solo che, in questa stagione, si perde un po’ per strada. il bello di Breaking Bad è proprio la soluzione fra mondo criminale da rivista pulp e bigia quotidianità. La chimica è fragile e forse gli autori sbagliano, di volta in volta, il dosaggio. Ma è per un buon fine. Grandissimi, ancora una volta, tutti gli attori, tutti gli autori e ancora stupende le musiche e la fotografia. Alla fin fine, il crimine paga.


Se ti è piaciuto guarda anche... – Citazione al cinema nostrano: Romanzo Criminale (2005) di Michele Placido. Poi snocciolo una perla orientale, ovvero Brother (2000) di Takeshi Kitano; insieme al grande Il cattivo tenente (1992) di Abel Ferrara. A Breaking Bad assomiglia vagamente anche il classico del crimine Donnie Brasco (1997) di Mike Newell e il granitico American Gangster (2007) di Ridley Scott. Volendo spaziare fra i generi, per la dipendenza dalle droghe abbiamo il sommo Requiem for a Dream (2000) di Darren Aronofsky, Candy (2006) di Neil Armfield, Panico a Needle Park (1971) di Jerry Schatzberg e Drugstore Cowboy (1989) di Gus Van Sant.


Scena cult – Penultima puntata, in casa di Jesse. E ho detto tutto.

Canzone cult – Iniziamo con il pezzo di storia By the Number di John Coltrane, proseguiamo sulle note di Nancy Sinatra e la sua It's Such a Pretty World Today; e approdiamo ai Calexico con Banderilla per finire con la malinconica Life di Chocolate Genius.

6 commenti:

  1. Vedrai che la terza sarà letteralmente pazzesca.
    Una roba davvero oltre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Della terza ho già doppiato il settimo episodio. Breaking Bad è peggio del meth.

      Elimina
  2. Risposte
    1. Già! Sono a metà della terza stagione ed è qualcosa di sublime.

      Elimina
  3. Ma sai che dopo i tuoi commenti e le comparazioni con i film che ci hai suggerito e che ho visto, più la musica coinvolgente , mi fai venire il desiderio di vederlo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Affrettati allora! Non sai che ti perdi!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...